Beata Vergine Maria Consolatrice (la Consolata)

Il nome “Consolata” deriva da un’antica storpiatura dialettale, “la Consolà”, a sua volta mutuata dall’espressione “Consolatrix afflictorum”, in latino “Consolatrice degli afflitti”.

La sua storia prende le mosse addirittura dal re d’Italia Arduino, marchese d’Ivrea, cui la Madonna, insieme a S. Benedetto e a S. Maria Maddalena, ordinò di costruire il Santuario della Consolata.

Numerosi furono i Santi Sociali che lo elessero a loro mèta.

Tra questi si ricordano S. Carlo Borromeo, S. Giuseppe Cafasso (le cui spoglie sono venerate qui), S. Leonardo Murialdo, il Beato Pier Giorgio Frassati.

Esegui l'accesso per Commentare