Appuntamenti di sabato 5 settembre

Bollengo: omaggio a Mimì e sostegno a Casa Insieme

Sabato 5 settembre, alle 21 in piazza Statuto, si saluta l’estate nel segno della solidarietà: Melania Giglio interpreta Mia Martini, nello spettacolo di Daniele Salvo “Notte di note per Mimì”, accompagnata al pianoforte Heron Borelli. Ingresso a offerta libera, il ricavato andrà all’hospice Casa Insieme di Salerano.

Melania si trasforma in Mia Martini e lo fa con convincente passione, in un equilibrio magistrale, portando in scena il personaggio senza cadere nella caricatura. Accompagnata al pianoforte da Heron Borelli, si muove passo-passo dentro e fuori Mimì, dalle lusinghe del mondo musicale, agli inferni del periodo più nero, in un incessante duetto fra recitazione e canto, che non limita la performance a una lista di successi, ma amplifica i più significativi momenti di vita dell’artista.

Sulla scena l’attrice (e cantante) recita con voce roca e pesantissima, come fosse sasso da scaraventare addosso al pubblico, per poi innalzarsi altissima quando dà voce alle note di canzoni come “Piccolo uomo”, “Almeno tu nell’universo”, “Gli uomini non cambiano”, “E non finisce mica il cielo”…

 

Burolo: ritornano “I Concerti lungo la Via Francigena”

L’associazione culturale Il Timbro dà avvio alla quarta edizione de “I Concerti lungo la Via Francigena” con l’esibizione del duo formato da Giampaolo Bandini alla chitarra e Cesare Chiacchiaretta al bandoneòn, dal titolo “Nubes de Buenos Aires”, dedicato interamente al tango. Appuntamento sabato 5 settembre alle 21 nel cortile del Castello Basso, in via Parrocchia 15. L’appuntamento inizierà alle 19 con una merenda sinoira, grazie alla Pro Loco di Burolo e alla Comunità Artaban, e alla Cascina dell’Allaas e alla Cantina Sociale della Serra che hanno messo a disposizione i prodotti da degustare (costo 10 euro, prenotazione obbligatoria). Alle 21 il concerto, ovviamente organizzato nel rispetto delle norme di sicurezza. È consigliato prenotare: associazioneiltimbro@gmail.com, 347/03.84.687.

 

Caluso: cena del rione Pescarolo

Nonostante le molte limitazioni cui anche le feste di paese devono sottostare, il rione Pescarolo ha deciso di organizzare una cena aperta a tutti, sabato 5 settembre alle 20 al Sardi’s Hotel Erbaluce. Il costo, tutto compreso, è 20 euro. Per informazioni e prenotazioni 346/30.27.783.

 

Chivasso: “Di qua e di là del Po”

È inserita tra gli appuntamenti della festa patronale del Beato Angelo Carletti, la presentazione del libro “Di qua e di là del Po”, un racconto su Resistenza e Liberazione nel chivassese scritto dal presidente dell’Anpi locale, Vinicio Milani. Il volume verrà presentato sabato 5 settembre, con inizio alle 17 nel cortile di Palazzo Santa Chiara, durante un evento curato dall’Anpi e dall’Unitre.

 

Colleretto Giacosa: Festival Giacosa seconda edizione

La seconda edizione del Festival Giacosa, dedicato all’illustre drammaturgo e librettista Giuseppe Giacosa, è in calendario da venerdì 4 a domenica 6 settembre. Considerato il gradimento del pubblico l’anno scorso, l’Amministrazione comunale ha voluto realizzare la manifestazione nonostante le difficoltà dovute all’emergenza Covid-19. Gli artisti che parteciperanno al Festival, provenienti da mondi culturali differenti e accomunati da studi classici, mostreranno la loro personale vicinanza al mondo del Giacosa, interpretandolo con sensibilità, estro e originalità. Si va dall’inedita produzione “Senhora Borboleta: l’esotismo carioca immaginario di Puccini” (domani, venerdì 4 settembre, alle 21 al parco Guido Rossa), con Enrico Perelli al pianoforte, Elisabetta Prodon voce, Flavio Brio chitarra acustica, Gledison Zabote sassofoni, Gilson Silveira batteria e percussioni brasiliane; per passare al laboratorio-concerto per bambini e ragazzi realizzato dal Centro culturale e musicale Notabene (sabato 5 dalle 16, sempre al parco); e infine all’intreccio tra musica e versi recitati in “Un incontro insolito: il Quartetto d’archi e l’Opera” (domenica 6 alle 18, sulla balconata del Castello Rosso della vicina Loranzè), con elementi dell’Orchestra del Teatro Regio di Torino, ovvero Miriam Lucia Maltagliati primo violino, Seo Hee Seo secondo violino, Maria Elena Eusebietti viola, Alfredo Giarbella violoncello e le letture giacosiane proposte da Valentino Dellea.

In particolare nella giornata di domenica saranno dedicati al poeta momenti celebrativi e rievocativi, accompagnati dalla Banda musicale di Colleretto e Parella: dalla sua tomba (ritrovo alle 11 al piazzale del cimitero), al monumento commemorativo, al giardino di Casa Giacosa. “Al caro Pin ch’è nostro” è il titolo dell’evento della mattinata.

Per partecipare agli appuntamenti è necessario prenotare telefonando o inviando un Whatsapp al 347/25.07.520 o al 346/96.38.441 o una e-mail a festivalgiacosa@gmail.com, con nome, cognome e numero di telefono di ogni partecipante.

 

Ivrea: Open Papyrus Jazz Festival

Venerdì, alle 21 al Teatro Giacosa, gli Odwalla in concerto: il combo creato dallo stesso Massimo Barbiero (marimba, vibes e percussions) con Matteo Cigna (vibes e percussions), Stefano Bertoli (drums), Alex Quagliotti (drums e percussions), Dudù Kouate e Andrea Stracuzzi (percussions), Cheikh Fall (djembé kora), Gaia Mattiuzzi e Boris Savoldelli (vocal), Giulia Ceolin e Gloria Santella (dance).

Sabato 5 ad aprire la serata sarà la Bandakadabra, la street band torinese che avrebbe dovuto esibirsi nel pomeriggio in modalità itinerante; e dopo di lei la JW Orchestra, formazione bergamasca fondata e diretta da Marco Gotti, che ospiterà per l’occasione il clarinettista e sassofonista Gianluigi Trovesi.  Venerdì alle 18 in Sala Santa Marta Guido Michelone presenterà il suo libro “Il jazz e le idee. Sogni, concetti, valori, sentimenti della musica afroamericana in 33 voci”, edito da Arcana, introdotto da Gianmario Pilo della Galleria del Libro; sabato, alla stessa ora, sarà Alessandro Bertinetto a proporre “Eseguire l’inatteso. Ontologia della musica e improvvisazione”, pubblicato da Il Glifo, in questo caso colloquiando con Davide Gamba della Libreria Mondadori. Le presentazioni saranno seguite dall’aperitivo preparato dall’Enoteca Vino e Dintorni, che a sua volta

precederà le esibizioni di formazioni emergenti come il Night Dreamers Quartet (venerdì) e il Dimasi Fiorini Novelli Trio (sabato).

Le contaminazioni che tanto piacciono agli organizzatori del festival (e, come detto, all’assessore Casali) si inverano anche nel rapporto di collaborazione, più che consolidato, con il collettivo ArteinFuga che, per l’occasione, ha realizzato un’installazione composta da “16 grandi tele di 2 metri per 1,60 ciascuna – spiega Daniela Borla, portavoce del collettivo –, che compongono un grande parallelepipedo, sospeso a 5 metri di altezza sopra via Palestro, all’altezza di piazza Santa Marta. È un vero concerto cromatico…”. L’installazione rimarrà esposta per tutto il mese di settembre: a realizzarla, oltre a Daniela Bolra, sono stati Susanna Clarino, Michele La Falce, Antonio Muroni ed Eugenio Pacchioli, con Umberto Pettene che ha contribuito all’ideazione e realizzazione del progetto.

Ultima, ma solo per una questione cronologica, è la contaminazione con la danza: domenica 6 alle 18 al Museo “Garda” la performer, ricercatrice e coreografa Roberta Tirassa presenterà “4.000 dances for the Earth”, per l’occasione danzata sulle musiche di Massimo Barbiero. Posti limitatissimi, in questo caso davvero per pochi eletti.

 

Ivrea: nel weekend torna “Lo sbarazzo”

Ritorna da venerdì 4, a domenica 6 settembre, il tradizionale appuntamento con “Lo sbarazzo”. “Si tratta – spiegano dall’Ascom – di una importante occasione di acquisto dei capi in promozione, prima del cambio stagione”. In pratica “gli ultimi super affari tanto attesi da tutti i più attenti ‘shopping addicted’ per questa fine estate”. A Ivrea, oltre ai dehors e agli allestimenti all’aperto post-lockdown, si aggiungono così ora le colorate bancarelle e gli stand dei negozi del territorio. Secondo Ascom Ivrea e Canavese sarebbe “una vera follia non approfittarne!”.

 

 

Ivrea: Cinema all’aperto a Bellavista

“Rincontriamoci…al cinema all’aperto” è la proposta dell’associazione Bellavista Viva onlus, sostenuta da Comune e Compagnia di San Paolo, nell’ambito del progetto “Quartiere Bellavista: Centro civico e dintorni”. Il ciclo di proiezioni in piazza Primo Maggio (o, in caso di maltempo, all’interno del Centro civico) inizierà sabato 5 settembre alle 21 con “Belli di papà”, per proseguire fino al 10 ottobre con altri sette titoli, ogni sabato e nei mercoledì 30 settembre e 7 ottobre. L’ingresso è gratuito (presentarsi con la mascherina).

 

Ivrea: Mercatino dei libri scolastici allo Zac!

Sabato 5 settembre tornerà allo Zac! di via Dora Baltea 40 il mercatino dei libri scolastici usati dedicato alle scuole medie e superiori. L’iniziativa è volta ad aiutare le famiglie del territorio e a sostenere un’economia del riuso, alternativa a quella imperante del consumo, e alla riduzione dei rifiuti, in un’ottica più generale di condivisione del sapere. Per poter garantire l’iniziativa in osservanza delle norme sanitarie, la giornata sarà divisa in due momenti: la mattina, dalle 10 alle 12, sarà dedicata allo scambio dei libri delle scuole medie, il pomeriggio, dalle 15 alle 17, verrà riservato alle scuole superiori. Chi volesse avere un banchetto per esporre i propri libri deve scrivere entro oggi, giovedì, 3 settembre: ad Andrea gli studenti delle medie (andrea.gaudino@acmos.net); ad Alessia gli studenti delle superiori (alessiavittonatti@gmail.com).

 

Locana: due giorni di festa per il Cantellino

Sabato 5 e domenica 6 settembre si celebra la patrona del paese, la Madonna del Cantellino, la cui festa chiude tradizionalmente l’estate nel paese della Valle Orco.

Sabato alle 10 si avvia il torneo di beach volley e alle 10,30 l’estemporanea di pittura lungo le vie del centro storico. Sempre alle 10,30 la celebrazione della Messa nella chiesa parrocchiale, in onore della Madonna del Cantellino, mentre dalle 19,30 il centro storico si animerà grazie ai partecipanti alla cena del Cantellino e alla musica di Marco Picchiottino (prenotazioni 331/11.67.605 o 347/36.79.993).

Domenica 6 settembre alle 15 la caccia al tesoro per i bambini, con ritrovo alla chiesa del Cantellino, e alle 21,15, nello stesso luogo, sarà proposta “La ruota della fortuna”, gioco a squadre per grandi e piccini (anche in questo caso è necessario prenotare).

 

Montalenghe: intitolazione del salone pluriuso

Sabato 5 settembre cerimonia di intitolazione del salone polivalente di piazza 25 Aprile ai benefattori che ne hanno permesso la costruzione. Ritrovo alle 17 per la cerimonia; dalle 19 apertura del salone al pubblico, possibilità di visitare la mostra fotografica di Flavio Tonso; dalle 19,30 rinfresco e sertata musicale.

 

Pont Canavese: Museo della plastica

Rimarrà aperto fino a domenica 18 ottobre, i sabati e le domeniche dalle 14,30 alle 17,30, il Museo della civiltà della plastica Cannon-Sandretto di via Cavalier Modesto Sandretto 16. Per evitare code o attese si può prenotare la visita inviando un messaggio al 339-81.50.277 o alla mail carbonatto@libero.it.

 

S. Giorgio: Centro Anziani riaperto ogni sabato

Il Centro Anziani “B. Milano” ha riaperto i battenti ai soci: dal 22 agosto scorso è possibile accedervi – rispettando le dovute precauzioni in tema di mascherine e distanziamento – ogni sabato pomeriggio  dalle 14.30 alle 18.30.

 

Valli Orco e Soana: escursioni nel Parco Nazionale

Ancora escursioni gratuite, condotte dalle Guide del Parco Nazionale Gran Paradiso, nel fine settimana: è sempre necessaria la prenotazione, da effettuarsi registrandosi dalla pagina www.pngp.it/escursioni-2020 (dove è possibile verificare il dettaglio di ogni singola iniziativa). In particolare sabato 5, alle 10 e alle 15, è prevista un’escursione “gastronomica” al Rifugio Santa Pulenta (Locana): ritrovo all’Ufficio Turistico, al Rifugio pranzo (facoltativo, costo 20 euro). Sempre sabato, e anche domenica 6, a Ceresole Reale è invece in programma la camminata “Buon compleanno Vittorio” (per festeggiare il bicentenario della nascita del re Vittorio Emanuele II): partenza sabato alle 15 e domenica alle 8,30 dal Centro visitatori del Parco, il primo giorno per una visita al paese e alla mostra sullo stambecco del Centro visitatori, il secondo per una camminata dal Colle del Nivolet al Pian Borgno. Infine domenica 6, con ritrovo alle 9,30 al Centro visitatori di Noasca, è prevista un’escursione per famiglie alla borgata Maison, per scoprire quella che è stata fino a non troppi decenni fa una caratteristica scuola di montagna (questa escursione è a pagamento: 15 euro, da versare in loco; ciascuno dovrà provvedere al pranzo al sacco).

 

 

 

Esegui l'accesso per Commentare