Clelia Barbieri (13 febbraio 1847 – 13 luglio 1870)

Clelia Barbieri nasce il 13 febbraio 1847 a San Giovanni in Persiceto, in provincia di Bologna. I sacramenti dell’iniziazione rappresentano i punti nodali della sua crescita. L’Eucaristia è il centro della sua esperienza mistica e del carisma di fondazione da lei promosso.

La prima Comunione, il 24 giugno 1858, le dà un’impronta indelebile: diventa nel senso più autentico «anima da comunione». Nel 1862 entra nel nucleo degli «operai della dottrina cristiana» e si fa sempre più attenta e sensibile alla situazione della Chiesa.

Ormai ventenne, sotto la guida lungimirante del parroco don Gaetano Guidi, elabora con un gruppo di amiche (Teodora, Orsola, Violante) un progetto di vita consacrata e di diaconia, in cui si può ravvisare un vero risorgimento al femminile. La presenza instancabile accanto ai piccoli, ai poveri, ai malati, agli emarginati, le merita da parte della gente l’appellativo di Madre.

Nel 1878 il cardinale Lucido M. Parocchi, arcivescovo di Bologna, chiamerà «Minime dell’Addolorata» le eredi spirituali di Madre Clelia, morta nel 1870.

Esegui l'accesso per Commentare