Seleziona Pagina

Vangelo della Domenica: Chi rimane in me ed io in lui fa molto frutto

L’evangelista Giovanni, ci riporta ai “discorsi di addio” di Gesù, pronunciati al termine dell’ultima cena con i suoi discepoli. Gesù coglie il loro stato d’animo, e li rincuora: “Non sia turbato il vostro cuore … abbiate fede in Dio, e anche in me. Vado e tornerò a voi”. Gesù riprende la sua predicazione ai discepoli, lo fa attraverso una immagine, più volte presente nell’Antico Testamento, quello della vite/vigna. Isaia (5,1-7) ci descrive una scena riposante di lavoro e di amore di un contadino, per la sua terra. Ancora Isaia (27, 2-3), ha per la sua vigna, un amore profondo, la innaffia… la custodisce notte e giorno. Ezechiele (15, 1-8), fà della vite una “parabola”, ne ricorda la fragilità, senza la sua linfa (vitale) è solo legna da ardere. Con il Salmo 80 (9-17), la vigna, diventa un simbolo di rinascita per la storia di Israele, del popolo eletto.
Gesù dà continuità a questo tema in modo diretto: “Io sono la vera vite e il Padre mio è il vignaiolo. Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo pota perché porti più frutto”. In queste raccomandazioni, si delinea il rapporto di comunione che intercorre fra Gesù, i discepoli e i credenti di sempre: “Il tralcio non può portare frutto da se stesso se non rimane unito alla vite, così neppure voi se non rimanete in me”. Questa unione produrrà molti frutti.
Gesù mette poi in guardia i suoi discepoli: “Senza di me non potete fare nulla”; se invece “rimanete in me”, si realizzerà il progetto del Padre (“…le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà dato. In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto, e diventiate miei discepoli”).
L’accento cade sul vincolo profondo destinato a unire, nel tempo, i fedeli di sempre al loro Signore, come Gesù è unito al Padre. Si ripropone così il comandamento dell’amore, sul modello di Gesù (“come io vi ho amati”). Questo è il legame di Gesù con i suoi discepoli, un rapporto di amicizia, gioioso e intimo, non da servi o sudditi timorosi, ma da amici: “Questo vi ho detto perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena”. Questa è dunque la “buona novella”: “Amatevi gli uni e gli altri”.

Ezio Actis Perino

(Gv 15,1-8) In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Io sono la vite vera e il Padre mio è l’agricoltore. Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo taglia, e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto. Voi siete già puri, a causa della parola che vi ho annunciato. Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può portare frutto da se stesso se non rimane nella vite, così neanche voi se non rimanete in me. Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e secca; poi lo raccolgono, lo gettano nel fuoco e lo bruciano. Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto. In questo è glorificato il Padre mio:che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli».

facebook youtube instagram

Giugno 2022
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Conferenze San Vincenzo di Ivrea: un aiuto concreto a chi è nel bisogno

IVREA – Sono molte anche nella nostra diocesi le opere concrete di solidarietà e di carità che vengono realizzate grazie ai fondi 8×1000 della Chiesa cattolica, da movimenti ecclesiali o da enti del settore non-profit.
Leggi il seguito…

Il Santo del giorno