L’archivio del canavesano Michele Naretto donato alla biblioteca di Palazzo Cisterna

Un nuovo prezioso lascito va ad arricchire gli archivi storici conservati dalla Biblioteca di Storia e Cultura del Piemonte “Giuseppe Grosso” della Città metropolitana di Torino, collocata negli aulici locali di Palazzo Cisterna.

Si tratta dell’archivio dell’illustre canavesano Michele Naretto docente di storia e filosofia nella scuola secondaria, riordinato e catalogato nella casa di famiglia di San Benigno Canavese dalla moglie Maria Carla Lamberti, per molti anni docente di Storia economica alla Facoltà di Lettere dell’Università di Torino.

I documenti si riferiscono alla famiglia Baudino-Naretto originaria del Canavese. Le carte più antiche risalgono all’ultimo decennio dell’Ottocento e sono costituite da un ricco carteggio tra membri della famiglia Baudino emigrati in Colorado e i propri familiari rimasti a Rivarolo Canavese.

Il mito dell’America esercita il suo fascino anche sulla generazione successiva e un nipote Naretto va a raggiungere, intorno al 1920, gli zii materni, sperando in una fortuna che non conquisterà mai.

Bellissimo il suo epistolario ai genitori e al fratello.

La famiglia Baudino Naretto ha deciso di donare l’archivio alla biblioteca della Città metropolitana di Torino per garantire un futuro al materiale di documentazione, preziosa fonte di informazioni per gli studiosi di storia locale.

I bibliotecari ora si occuperanno della catalogazione; una volta compilato e informatizzato, l’inventario di questo archivio familiare andrà ad affiancarsi agli altri 50 inventari, recentemente digitalizzati e pubblicati nelle pagine del sito Internet della Città metropolitana, all’indirizzo http://www.cittametropolitana.torino.it/cms/patrimonio-artistico-culturale-storico/biblioteca-storica/fondi-archivistici

Esegui l'accesso per Commentare