Settimana “turbolenta” sulle strade cittadine di Ivrea.

Tre i fatti da segnalare.

Il più recente avvenuto attorno a mezzanotte e trenta di sabato: gli agenti del Commissariato di Ivrea e Banchette sono intervenuti nei pressi di un locale commerciale di via Circonvallazione dove del personale medico stava soccorrendo due persone ferite a seguito di un incidente stradale.

Dopo l’impatto l’auto si era data alla fuga. Attraverso le testimonianze raccolte e agli accertamenti, gli agenti sono risaliti all’autovettura che è stata rintracciata nel parcheggio di un supermercato cittadino.

L’auto presentava il parabrezza infranto e un’ammaccatura sul cofano. Nello stesso momento gli agenti hanno individuato i due occupanti dell’auto investitrice, un diciannovenne figlio del proprietario del veicolo e un suo amico ventenne, che era alla guida al momento dell’investimento. Entrambi i giovani sono stati denunciati in stato di libertà per omissione di soccorso. Il ventenne alla guida verrà deferito per fuga a seguito di incidente, lesioni stradali e guida in stato di ebbrezza. Gli è stata ritirata la patente ai fini della sospensione.

Altri due episodi avvenuti martedì scorso. Il primo poco dopo la mezzanotte; è un cittadino a segnalare al 112 la presenza di due soggetti, ventiduenni di origine italiana e romena, in stato di ubriachezza, uno dei quali aveva appena sferrato un pugno contro lo specchietto retrovisore di un’auto in sosta. Entrambi i soggetti sono stati sanzionati per ubriachezza molesta, denunciato il cittadino romeno. Nel pomeriggio sarà invece la vittima di un danneggiamento alla propria autovettura ad allertare gli agenti, dichiarando di avere il parabrezza infranto, lo specchietto divelto e delle ammaccature sul cofano anteriore.

Autore del gesto un cittadino marocchino di 26 anni, che avrebbe rincorso il conducente sino al semaforo rosso, per poi avventarsi sul veicolo. L’uomo ha detto di aver voluto “punire” il guidatore per essere transitato sul ciglio del marciapiede, noncurante della presenza della sua famiglia a bordo strada.

 

Esegui l'accesso per Commentare