Tragedia alla Casa circondariale di Ivrea. Detenuto in isolamento si toglie la vita

IVREA – Tragico evento, lunedì sera, alla casa circondariale di Ivrea: un recluso trentanovenne di nazionalità romena si è tolto la vita, impiccandosi con una cintura nel bagno della propria cella. “Era stato arrestato nel cuneese – spiega Paola Perinetto, garante dei diritti dei detenuti del Comune di Ivrea -, e successivamente trasferito a Ivrea. Essendogli stato riscontrato uno stato febbrile, con sospetto di aver contratto il Covid, ha effettuato il tampone a Chivasso, che è risultato negativo. A Ivrea, comunque, è stato messo per 15 giorni in isolamento, come è prassi di questi tempi per tutti i nuovi reclusi”.

Si trattava presumibilmente di una persona fragile, con problemi di dipendenza dall’alcol. “Sembrava tranquillo – prosegue Paola Perinetto -, il medico che l’aveva visitato gli ha procurato le sigarette, come da lui richiesto: non aveva dato particolari segnali di sofferenza. Certo è che l’isolamento, pur inevitabile vista la situazione, su soggetti fragili può causare danni devastanti… Possiamo dire che, in qualche modo, è stato anche lui una vittima del Covid”.

Sulla vicenda è intervenuto anche Leo Beneduci, segretario generale dell’Osapp (Organizzazione Sindacale Autonoma Polizia Penitenziaria), per denunciare “la gravissima situazione in cui versano gli istituti penitenziari italiani. Il carcere di Ivrea è senza un direttore titolare e senza un comandante titolare, oltre ad essere in sofferenza per le gravissime carenze di organico, più volte da noi denunciate”.

Servizio più dettagliato sul Risveglio Popolare in edicola giovedì 12 novembre

Esegui l'accesso per Commentare