Commento al Vangelo di domenica 19 dicembre

IV domenica di Avvento

A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me?

(diacono Pierangelo)

 

IN trasformazione …

In questa ultima domenica di Avvento, ormai ad un passo dalla Vigilia e due passi da Natale, leggendo il Vangelo mi sono soffermato su una parola breve breve, che ha catturato la mia attenzione: “IN”!

Una parolina che IN un solo versetto compare già per ben 3 volte: “…IN quei giorni”, “…IN viaggio”, “…IN fretta” (Lc 1,39).
Ho provato a pensare a quanti IN mi trovo davanti e potrebbero essermi di INciampo lungo il cammino pur breve che mi separa da Natale… Soprattutto, credo sia importante capire come cambiare questi IN per arrivare preparati all’INcontro…

Dovremmo fare nostro lo stupore di Elisabetta nel vedere Maria sulla porta di casa (Lc 1,43); dovremmo fare nostra la felicità di Giovanni che danza (dalla traduzione del verbo “skirtao”) nel grembo della madre (Lc 1,41); dovremmo lasciarci contagiare anche noi come Elisabetta dallo Spirito Santo che suggerisce parole di benedizione (Lc 1,41-42).

Allora proviamo a mettere IN fila le sensazioni di questi giorni, cercando il cambiamento giusto che permetta anche a noi il “giusto” contagio.

INcominciamo con ordine …
perché è fIN troppo facile essere INdifferenti …
oppure tante volte essere INcavolati …
tante volte ci sembra giusto essere INdignati … ed altrettante è giustificato INalberarsi …
senza contare poi quanto siamo INcapaci … e talvolta anche INopportuni …
e tutto questo è perfettamente INutile, perché si continua ad essere INfelici …

Allora, per questa conclusione di Avvento, credo sia necessaria una trasformazione: la trasformazione dell’IN

perché IN quei giorni tutto, ma proprio tutto, cambia …

perché IN fretta bisogna mettersi IN cammino ..

perché la gioia di un INcontro

trasforma la nostra vita …

perché solo INsieme a Dio

si diventa IN gamba …

perché Maria ed Elisabetta,
entrambe INcinte,
ci fanno capire cosa significa
veramente essere IN
perché IN fondo basta INcominciare
con ordine …o meglio… mettere IN ordine la propria vita…

Allora per i prossimi passi di questo AVVento, il mio è un augurio “IN”!

INnaffiate le amicizie…
INfilatevi IN nuove strade …
INoculate amore …

buon INcontro …

Esegui l'accesso per Commentare