Seleziona Pagina

Il 25 Aprile a Rivarolo

Diverse le manifestazioni organizzate in città in vista del 73° anniversario della Liberazione.

Mercoledì 25 aprile alle 10.15 il ritrovo delle autorità, delle associazioni e degli istituti scolastici di fronte alla lapide ai Caduti in via Ivrea, per la partenza del corteo, accompagnato dalla Filarmonica Rivarolese; quindi, al monumento in corso Torino, l’alzabandiera, la deposizione di una corona di alloro e il saluto del sindaco, Alberto Rostagno, e del sindaco del Consiglio comunale dei Ragazzi Pietro Gallo, gli interventi del presidente Anpi della sezione locale, Gabriella Meaglia, e del referente Anmig (Associazione nazionale mutilati e invalidi di guerra) sezione di Torino, Rodolfo Meaglia; poi le letture degli alunni di quinta elementare alle 11,30, all’ingresso del parco del castello Malgrà, l’intitolazione del parco a Dante Meaglia, combattente per la libertà: sono previsti gli interventi dell’ex sindaco (e padre del sindaco attuale) Domenico Rostagno, di Maria Airaudi, staffetta partigiana della Valpellice, di Vittorio Robusto, presidente Anmig Torino, e di Carlo Lege testimone della guerra di Liberazione; parteciperanno a solennizzare la cerimonia la Filarmonica Rivarolese e il Coro Polifonico Città di Rivarolo Canavese.

Nel pomeriggio di mercoledì 25 aprile è prevista una inedita appendice con il trasferimento a Castelnuovo Nigra dove alle 17, in piazza Martiri, saranno ricordati i partigiani rivarolesi Aldo Aimone Chioratti, Flavio Berone, Dante Meaglia, feriti o caduti nel giugno del 1944 proprio nel centro della Valle Sacra: ai saluti del sindaco locale Danilo Giovanni Chiuminatti e del presidente Anpi Gabriella Meaglia, seguirà il concerto della Corale Polifonica del Club Alpino Italiano sezione di Cuorgnè (in caso di maltempo l’evento si svolgerà nel salone pluriuso).

facebook youtube instagram

Giugno 2022
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Conferenze San Vincenzo di Ivrea: un aiuto concreto a chi è nel bisogno

IVREA – Sono molte anche nella nostra diocesi le opere concrete di solidarietà e di carità che vengono realizzate grazie ai fondi 8×1000 della Chiesa cattolica, da movimenti ecclesiali o da enti del settore non-profit.
Leggi il seguito…

Il Santo del giorno