Il Fondo Bibliografico Olivetti al centro di un nuovo progetto del sistema bibliotecario di Ivrea e Canavese

“Fondo Bibliografico Olivetti: valorizzazione e tutela di un patrimonio per la comunità” è il titolo del progetto che la biblioteca civica di Ivrea ha presentato alla Direzione generale biblioteche e diritto d’autore del Ministero della Cultura per cercare di ottenere un finanziamento che potrebbe aggirarsi attorno ai 15mila euro.

Il Fondo Bibliografico Olivetti, sezione A, è stato donato alla Città di Ivrea da parte della Società Olivetti nel 1972 e costituisce un patrimonio prezioso per il Sistema Bibliotecario, sia come memoria e testimonianza della storia delle biblioteche di fabbrica Olivetti, sia come documentazione che integra ed impreziosisce le collezioni del Sistema mettendo a disposizione di lettori, studiosi e ricercatori una vasta collezione di opere che supportano le attività di promozione e diffusione della lettura organizzate nel territorio.

È costituito da un insieme di circa 25.000 volumi a stampa, per la maggior parte pubblicazioni della prima metà del ‘900, parte della biblioteca di fabbrica Olivetti nata nel 1938 come biblioteca del dopo lavoro e sviluppata a partire dagli anni ’50 nelle tre sezioni A, B e C (rispettivamente: umanistica, biblioteca tecnica e biblioteca ricreativa). Alla Biblioteca Civica di Ivrea, che nel 1978 fu individuata come biblioteca di interesse regionale centro rete di un sistema bibliotecario territoriale, pervenne tramite donazione la sezione A, di carattere umanistico.

Data la consistenza del patrimonio, la progettualità si sviluppa in una programmazione pluriennale a lotti di intervento, e sarà integrata con altre azioni del Sistema Bibliotecario per una sostenibilità nel tempo delle politiche di tutela del patrimonio e di pubblica lettura.

 

Esegui l'accesso per Commentare