In Piemonte centinaia di ciechi e ipovedenti senza lavoro. L’8 maggio Uici farà il punto.

“In Piemonte i ciechi e gli ipovedenti in cerca di occupazione sono centinaia. Difficile trovare lavoro se alle difficoltà ordinarie si aggiungono il pregiudizio e la diffidenza, anche quando la propria condizione fisica e sensoriale non pregiudica in alcun modo il lavoro”.

Così il presidente di UICI Piemonte, Franco Lepore, in occasione della festa dei lavoratori che si è celebrata sabato scorso, 1° maggio.

“Dopo oltre 20 anni – afferma Lepore – la legge 68/1999 sull’inserimento lavorativo delle persone disabili resta in gran parte inapplicata. E così, in occasione della ricorrenza del 1° maggio, l’Unione Ciechi vuole sollecitare il settore pubblico e privato a mostrare e mantenere atteggiamenti aperti e ricettivi verso i disabili visivi che, se messi nelle giuste condizioni, possono raggiungere grandi traguardi. Siamo convinti che, per superare le differenze, occorrano innanzitutto azioni positive comuni”.

Da qui l’idea di un convegno di sensibilizzazione, organizzato dall’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti del Piemonte onlus APS, dal titolo “Università e lavoro per una crescita personale e professionale”. L’evento si terrà online il prossimo 8 maggio, dalle ore 10 alle 13, sulla piattaforma Zoom Meeting.

L’iniziativa si rivolge ai ragazzi con disabilità visiva, alle loro famiglie, ai docenti curriculari e di sostegno, agli educatori e in generale a tutte le figure professionali che trattano a vario titolo la disabilità visiva.

Per partecipare al convegno e interloquire con i relatori è necessario compilare il modulo di iscrizione al seguente link:

https://zoom.us/meeting/register/tJ0pcOuqqjkrGtKTs1Q2pOqFAaSNWfL3WRaK

Il seminario sarà anche trasmesso liberamente in streaming sulla pagina Facebook di UICI Piemonte.

Esegui l'accesso per Commentare