Negozi chiusi nei comuni montani e fattura elettronica

Quanti saranno (forse tanti) gli esercizi commerciali o bar che hanno abbassato la saracinesca con il primo dell’anno o verso la fine del 2018? Il censimento di cessazioni (e aperture) potrà darcelo solo Istat nei prossimi mesi. Di certo, oggi sappiamo che sono 200 i Comuni italiani senza un esercizio commerciale (primo posto nella drammatica classifica per il Piemonte, con 90 Comuni desertificati) e che altri 700 sono a rischio avendone meno di tre. Il dieci per cento dei comuni del paese dunque soffre per la desertificazione commerciale.

Sono quasi tutti Comuni alpini e appenninici. Hanno una popolazione perlopiù anziana, ma anche giovani che vorrebbero rimanere, avviare imprese e partite iva, ma sono preoccupati per una situazione sociale che continua a complicarsi. Le fasce della popolazione attiva si assottigliano.

Uncem è preoccupata per un trend che potrebbe diventare ancor più negativo visti ad esempio i complicati sistemi di gestione della fatturazione elettronica nei comuni montani e dunque nelle aree dove è ancora forte il divario digitale. Dove i commercianti, i titolari di bar e negozi sono anziani e i numeri del fatturato in calo, la svolta digitale potrebbe comportare un forte danno per i territori, causando anche la chiusura degli esercizi di vendita e somministrazione. “Prendiamo un piccolo Comune di 500 o 700 abitanti – evidenzia il Presidente nazionale Uncem, Marco Bussone – dove abbiamo un solo negozio che fa le classiche pluriattività del territorio, vendita di generi alimentari, di tabacchi e giornali. È un punto importante per quel comune, un ancoraggio sociale. Giovane o meno sia chi lo gestisce, la fattura elettronica diventa l’ennesima scure che cade sul suo percorso, già accidentato e difficoltoso. Non diciamo solo che il rischio è che aumenti il ‘nero’, ma di certo molte attività in piccoli comuni sono in bilico e faticano a generare un fatturato adeguato per la sopravvivenza di chi le gestisce”. Aggiunge Bussone – “se vogliamo sconfiggere realmente il rischio desertificazione dobbiamo puntare su un versamento unico, annuale, forfettario per imprese ed esercizi commerciali presenti nei comuni montani ad alto grado di marginalità”.

 

Lascia una recensione

  Subscribe  
Notificami