Mons. Nosiglia incontra i giornalisti, parla della crisi del lavoro e dell’inchiesta sulla ‘Ndrangheta in Piemonte

(Chiara Genisio – AGD). Parole e gesti di speranza in occasione del Natale. In un clima predominato dalla paura, dall’incertezza del domani per tanti giovani e famiglie che devono fare i conti con il problema del lavoro, della casa e della povertà, mons. Cesare Nosiglia, Presidente della Conferenza Episcopale Piemontese, invita i piemontesi  a non lasciarsi abbattere.

“Il Natale è festa di gioia e di speranza: ci annuncia che non siamo soli a lottare e a sostenere questa situazione e le dure necessità che la vita a volte comporta. Gesù è venuto per salvarci e non lo fa al di fuori del nostro mondo, ma operando come fratello e amico dentro il tessuto concreto del nostro oggi e del nostro domani”, così si è espresso mons. Nosiglia nel consueto incontro con i giornalisti prima di Natale. Davanti alle numerose crisi aziendali, l’arcivescovo di Torino e presidente della conferenza episcopale piemontese, ha affermato di sentirsi impotente quando non si risolvono  come vorrebbe. “Il lavoro  – ammette – è tornato ad essere il primo problema del nostro territorio e rischia di coinvolgere una scia negativa a catena” e assicura che la Chiesa fa sentire la propria voce, esprimendo solidarietà e vicinanza effettiva, “non solo a parole”.  Nosiglia invita tutti ad una maggiore solidarietà con chi fa più fatica, perché “la disuguaglianza si combatte, e si vince, con la solidarietà e la conoscenza diretta delle persone” e mette in guardia dalla rassegnazione e dal pensare solo a se stessi.

Sull’inchiesta che ha condotto all’arresto dell’assessore regionale Roberto Rosso, mons. Nosiglia, non è  entrato nel merito della vicenda, ma ha sottolineato che “La ‘Ndrangheta ha preso piede anche nel nostro territorio, ha una presenza attiva e non silenziosa. Non mi stupisco che abbia potuto contaminare pure la politica. Ma nello specifico dell’azione di questi giorni è necessario attendere il lavoro della magistratura. Non è bene esprimere giudizi affrettati”.

Esegui l'accesso per Commentare